The braves (pensieri seri in salsa ironica)

Ci stiamo divertendo, noi dell’educazione, in questo gioco che si svolge sul web.

Esplorare, seguire tracce, scoprire nessi e collegamenti, infilarci in gineprai per veder come se ne esce.

complessita

Ogni tanto piazziamo qualche parola difficile, che limitarsi a parlare di educazione si pensa solo alla babysitter, alle mamme e ai papà, alle pappe, ai pannolini e all’asilo nido.

(Ci si raccomanda: solo fino al limite massimo dei 18 anni che poi raggiunta la maggiore età non si educa più, suvvia siamo seri  … pedagogia è cosa “da poppanti” o da nerd),

Ci giochiamo qualche asso: pedagogia, vincoli, formazioni, scene, intenzionalità, fenomenologia, vincoli, strutture, ma ci sembra di bluffare … anche se vorremmo tanto  “sembare” più seri e sicuri,  misteriosi, interessanti e complessi.

Insomma magari pure vendibili e spendibili, come i professionisti seri, insomma.

Ma il mondo  – tanto – ci tira giù, se complessifichiamo troppo, o piazziamo qualche domanda che interroga e inquieta; se ci ostiniamo a rispondere alle domande con i dubbi, invece che offrire la ricetta universale di tata Lucia.  Tutti vogliono l’esperta che sa, insomma una più simile a Mary Poppins che ai nostri curricula.

371639_003

E poi complicare non è pedagogico, o educativo. Chi educa o insegna deva essere semplice e diretto.

Ma noi giochiamo ugualmente, in questa bolla magica che è il web, e rimescoliamo le carte, ci iscriviamo a LinkedIn con i nostri generosi profili professionali, che a guardarli sono pure parecchio seri; mentre impariamo ad usare i social  … spacciamo idee e dubbi. Con la stessa disinvoltura e protervia dei Barbari di cui  parla Baricco nel suo libro.

Wallpaper-braveheart-32189752-500-281

Ci intrufoliamo tra il professori, manager anche del settore profit, con la leggerezza orizzontale che solo noi sappiamo usare, e poi tagghiamo e hashtagghiamo, twittiamo.

Creiamo curiosità, tracciamo sentieri, rinviamo nessi che sono chiari solo nelle nostre teste, io credo si dicano, “ma questi  – che bello – ci seguono”, e magari (lo speriamo) prima o poi si chiederanno pure come mai li inseguiamo, almeno quelli che due o tra cosette dello stare sui social le hanno capite.

La verità è questa: vi seguiamo per essere seguiti, prima o poi.

89iiiiiiiiii1

Noi abbiamo un dubbio, quello che non sia del tutto chiaro il ruolo, e il valore, la necessità, la trasversalità dei “dispositivi pedagogici”, nei vari ambiti della conoscenza e della quotidianità.

Lo sappiamo tutti, non nascondiamolo, ogni contesto per procedere impara e insegna, persino per vivere si impara e insegna, e pure per capire e viverlo, il mondo si impara e si insegna.

Questa cosa cosa, noi, la studiamo anno dopo anno e giorno dopo giorno, e poi la raccontiamo, la usiamo, la trasmettiamo e ne abbiamo cura. Abbiamo cura della possibilità di trasmettere ciò che si impara e della modalità di trasmetterla ad altri.

Perché è necessario farlo.

E da coraggiose e coraggiosi quali siamo, abbiamo l’ambizione di saperlo fare e di poterlo fare e di volerlo fare.  E lanciamo la sfida, anche fuori dalla bolla.

Dedicato ai “the brave” che osano e che ci seguono.


BRAVE

buono, bello, coraggioso, affrontare, animoso, prode, sfidare, indiano pellerosse, sgherro

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...