Mobilita’ (educativa) sostenibile … Chi guida oggi?

Con questo post si apre una nuova categoria, per mettere il luce le dis-connessioni (o le connessioni) tra i luoghi dell’educazione e le logiche politiche/economiche che interagiscono nelle definizione dei servizi educativi

La mobilita’ sostenibile non e’ solo il problema di molte citta’ ma e’ anche un tema che occupa i pensieri di chi esercita l’educazione professionale, in particolare nei servizi rivolti ai disabili e ai servizi domiciliari. Ovviamente la definizione di mobilità sostenibile viene usata in modo improprio e per definire una questione diversa.

pullman

Questa e’  una mobilita’ che si rende necessaria nell’attuazione del proprio lavoro, ovvero da quando gli appalti che affidavano i servizi diurni disabili alle cooperative sociali, hanno reso praticamente obbligatorio trasformare gli educatori “in autisti” in pectore per assolvere ai servizi di trasporto casa-servizio degli utenti e viceversa. Laddove in trasporto pubblico, volontario, o familiare non se ne possa occupare.
Ma se la delega al trasporto, osservata dal punto delle famiglie,  rientra nella logica del consentire il recarsi al lavoro, e quindi fa parte del diritto al lavoro; la stessa logica di delega degli enti appaltanti non e’ così semplice o univoca.

Sebbene sia evidente e “necessario” che i comuni in asfissia economica deleghino alle cooperative (o chi si occupa della gestione del servizio) il servizio di trasporto, e  che le cooperative in analoga asfissia deleghino agli operatori una mansione (trasporto casa servizio) che non coincide con il loro ruolo e la  professione/formazione – educativa-.; altresì non sembra possibile immaginare una soluzione diversa che rendere un operatore multiforme, e flessibile nel suo lavoro.

Eppure un educatore non e’ un autista e viceversa. Sembrerebbe lapalissiano eppure non lo e’ affatto.

Ma passiamo ad alcuni servizi per i minori (ADM, comunita’) in questo caso la guida e il trasporto avvengono come parte del lavoro, l’educatore porta il minore in diversi luoghi, riempiendo il vuoto gestionale (legittimo, necessario, sostanziale o meno) della famiglia; permettendogli così di esplorare nuovi territori, esperienze, luoghi, di raggiungere altri spazi di socialità e di crescita.

Nel primo caso il vincolo rende evidente come manchi una cultura pubblica del ruolo professionale di una/un laureata/laureato in scienze dell’educazione, la conoscenza delle sue mansioni, del suo mandato preciso, e la necessita’ di usare una professione all’interno dei vincoli che essa ha. Una mancanza tutto sommato seria, tal punto che puo’ fare anche un altro lavoro: l’autista. Mentre e’ probabile che un educatore non potrebbe in modo altrettanto informale fare un lavoro alla guida di uno “scuola bus”. E nemmeno un dentista, un avvocato, un geologo farebbe il servizio si trasporto ai suoi clienti.

Nel secondo caso la guida, e’ un vincolo meno pressante, per accompagnare un minore a fare esperienza del mondo, e’ possibile usare un mezzo a motore, una bicicletta, un tram, un treno.

La questione e’ annosa: quella dell’educazione come professione tappa buchi, deprivata nel suo mandato sostanziale.

E se l’educazione e’ di tutti, del vivere stesso, l’educazione professionale no. Possiede temi, prassi, vincoli, strutture sue proprie, che arrivano dalla formazione, da studi precisi e dall’esercizio professionale.

Come coordinatrice sono chiamata a presidiare i vincoli di tema dell’educare, a restituire il senso delle azioni, non meno che a riconnettere la prassi con i vincoli espressi delle organizzazioni che governano il servizio.
E restituire a tutti il senso del “dover” fare alcune parti irrinunciabili del lavoro, ma che non attengono alla professione educativa, ne possono farne parte.
Il servizio trasporto casa-servizio, nelle condizioni in cui viene proposto, fa parte integrante dei vincoli organizzativi, legati alle logiche degli appalti, dipendente da meri fattori economici, e non potrà o dovrebbe esser rivendicato come valore educativo, come significativo della professionalità o di un tempo educativo.

Ci sarà da chiedersi, e lo potranno fare tutti gli educatori, come debba essere restituito ai committenti il significato di fare un lavoro improprio; come vada spiegato alle famiglie, ai coordinatori e alle cooperative, Indicando a tutti quale valore sociale abbia il sacrificio di una parte del proprio lavoro, per una scommessa persa da altri, e per una disattenzione nel considerare la funzione educativa come tappabuchi di second’ordine.

Sarà particolmante significativo, in questo momento storico, osservare come chi si occupa quotidianamente di educazione vorrà provare a rivendicare i propri legittimi confini professionali. O se vorrà restituire smalto ad una scelta “non scelta” ma rispondente ad un beneficio collettivo, ma auspicabilmente solo se o solo quando ne dovesse valere la pena.

Educazione sessuale (purché a-sessuata)

In molti sembrano conciliare sulla necessità di consegnare ai figli/adolescenti/alunni una sorta di prontuario di educazione sessuale, affettiva, emotiva.

E sappiamo, almeno in linea generale, quali siano i contenuti si vanno ad insegnare nei contesti formativi “generalisti” e pù formali (le scuole dove si propone questo insegnamento o i consultori). Una veloce ricerca su web ce ne può dare la misura.

Resta l’area ombrosa della famiglia, che pure viene aiutata da molti testi, articoli, inserti, libri divulgativi facili e fruibili, ad affrontare le prime domande dei piccoli, su come nascono i bambini, da dove “escono”, e via discorrendo. Laddove questo accade lo scenario sembra presentarsi come subito rassicurante, ma  …i bimbi crescono e diventano adolescenti e le domande e risposte sembrano scomparire. O sembrano assumere i connotati di una comunicazione più tecnicizzata e assieme semplificatoria.

E’ davvero difficile parlare di educazione sessuale da parte di chi già pratica una attività sessuale, soprattutto se genitore, al proprio/a figlio/a adolescente destinato/a o già attivo/a nella “sua” vita sessuata? Possiamo uscire dallo stereotipo che vuole che non sia competenza  dei genitori l’imbarazzo di questo percorso, che impone di vedere l’uomo e la donna dentro ai propri figli?

I genitori sembrano i primi a vivere con impaccio la possibilità di raccontare – raccontandosi -; insomma il sesso va insegnato facendo finta, o quasi, che non lo si viva, che non lo si pratichi, oppure che non generi molte e straordinarie alchimie o abissali incomprensioni.

Alle madri è poi dato il mandato di educare le figlie femmine a diventare donne “fra donne”, perché si sa (si dice) che ci si intende meglio, c’è più “intimità, prossimità, complicità”; mi autorizzo a pensare che la medesima regola generale valga anche per i padri. In quanto madre sento addosso una sorta di mandato sociale all’educazione di mia figlia che dev’esser emotiva, affettiva e sessuale, ma soprattutto che è relativa alla scoperta di se stessa, non tanto della complessità dell’incontro con l’altro, e/o della polarità maschile; così provo a presumere che altre madri si riconoscano in questo input formativo. Ovviamente la medesima funzione educativa è attribuita socialmente anche ai padri.

Inoltre alle madri è dato insegnare il proprio modo di intendere la dimensione della sessualità, in modo quasi asettico, non inquinato dalla perturbazione che nasce dal desiderio del marito o verso il marito (padre – uomini in generale), dalla fatica di intendersi tra uomo e donna nel trovare anche questa forma di dialogo corporeo, fisico, amoroso, e passionale.

Come donna e come madre posso insegnare tanto la mia parte (come una donna si vive in questa sfera dell’esser persona), quanto la mia interpretazione del maschile (cosa chiede e come avviene l’incontro con il maschile). Un padre può esser altrettanto capace di nominare per sua figlia il proprio esser uomo, e il suo modo di comprender una donna; e nel dialogo con una figlio o una figlia, questo non può che dare adito ad una grande ricchezza di saperi, che al figlio o alla figlia resteranno come patrimonio personale.

Troppo intimo? Troppo intimo e privato da non poter essere insegnato, anche a rischio da mantener intatti tutti gli stereotipi di genere? E un rischio che si può o si vuole continuare a correre?

Ma in educazione  … esiste davvero qualcosa di “troppo” intimo e privato? O che non può, non deve esser insegnato, o che deve essere, a priori, escluso dall’intenzionalità educativa di una adulto, demandato a far crescere un figlio? La sfera della sessualità va negata? Dov’è il crinale?

twilight-saga-breaking-dawn-parte-i-taylor-lautner-screencap-dal-film-5_mid

Dove si colloca il sottile crinale tra educare, non educare, e abdicare al proprio difficile ruolo?

Dove diventa rischioso non cercare il crinale stesso che aiuta a crescere come uomini e donne, e non solo come genitori, parlando di se stessi in termini di uomini e donne sessuati, nel goffo tentativo di scegliere con cura le parole importanti, utili ad  incontrare un figlio- una figlia su questo crinale?

Una rinuncia significa anche dire non insegnare ai figli, non poter nominare proprio da ciò che sembra creare più dubbi, cioè come si può  (o non può) incontrare il desiderio dell’altro, tanto quello che fatichiamo a nominare e conoscere, o che quello che alla fine abbiamo imparato a conoscere e nominare, nonostante si siano incontrati  simili pudori, imbarazzi, silenzi incontrati, come figli, con i nostri genitori.

L’affrontare questa fatica permetti di immaginare un genitore, ora la madre che si “dichiara”, attraverso l’azione comunicativa, come capace di parlare del proprio incontro con il desiderio di un uomo (tanto alla figlia e al figlio), ora il  padre che sa trasmettere del proprio incontro con il desiderio di una donna,nelle loro differenze. Infine genitori/adulti capaci di nominare il proprio desiderare insieme alla reciprocità, intenzionati ad insegnare – investigandoli – le differenze di genere, gli stereotipi ricevuti e trasmessi, e di cui i figli sono destinatari dentro e fuori casa. Ognuno coltivando l’arte della misura e della discriminazione, rispetto alla capacità di comprendersi, emotiva e anagrafica; riuscendo a smantellare, un poco, la visione dell’amore femminile fatto a 360° di cuoricini e amori romantici e quello del maschile improntato alla fruizione della sola pornografia.

Un comunicazione che implica come ultima e non secondaria deriva anche riflettere e nominare affrontare l’impatto e  il confronto con il corpo di un figlio o una  figlia adolescente sempre più sessuato/a, e soprattutto ormai destinato/a ad altre/altri; comunicazione che avviene in un momento in cui l’atto educativo serve a svincolarsi, per entrambe, dalle precedenti modalità di contatto corporeo (coccole, abbraccio, baci etc) utilizzati sino  sino ad allora, a circoscriverle, per cercare nuove forme e nuove distanze, liberatorie e più legittime per entrambe. Prese di distanza che avviino i figli fuori dal nido, alla ricerca del proprio modo di essere uomini e donne, e (perché no) anche loro dotati di una vita affettiva, sessuale, emotiva propria.

Questioni di potere

Riflettendo su alcuni anni di esperienza professionale a contatto con i “minori” e con i “disabili” e in generale con le famiglie, esperienza svolta in diverse tipologie di servizio e interpretata da ruoli differenti,  mi sono accorta che il ricordo più affettuoso lo ho riservato spesso ai genitori e in generale alla convivenza con la disabilità …

Fatico ad evocare ricordi molto piacevoli con i colleghi di servizio, i coordinati, con i minori, con i partner della rete. Esperienze non spiacevoli ma spesso rese faticose dalla dimensione comunicativa, da conflitti, o problemi più o meno grandi.

Con i genitori e le persone con disabilità, mi è riuscita più spesso la sfida di andare oltre al problema, al ruolo, alla diffidenza, al singolo dato per incontrare l’interezza e la complessità.

Non ho una lettura interpretativa adeguata, qui ed ora.

Però mi viene in mente che la difficoltà maggiore, che posso percepire, è la potenza del contesto, il potere della struttura organizzativa, dei vincoli e delle regole che tengono le persone strette ad un ruolo, che diventa maschera, e dove l’identità si sfuma nel problema.

il post si collega idealmente al tema espresso qui http://progettiguerrieri.wordpress.com/2010/06/09/creativita-disabilita-interezza-e-imparare-ad-esser-guerrieri/